Perché le liste di attività non funzionano

Capita anche a te di arrivare a fine giornata stanco e frustrato (anche se non hai dovuto trascinare nessun tir o spaccare legna tutto il giorno)?

Probabilmente, appena entri in casa, o esci tutto nervoso dalla porta dell’ufficio, la tua esclamazione più frequente è qualcosa simile a: “cazzo, anche oggi non ho concluso niente“?

Se la risposta è SI-spesso, o anche SI-qualche volta, benvenuto nel club dei lavoratori esauriti.

Conosco bene questa situazione perché, dopo oltre 15 anni passati a fare il libero professionista, prima come informatico, poi come formatore e coach/consulente, la frustrazione di aver passato oltre 10/12 ore fuori di casa, ma non aver realizzato (apparentemente) nulla è davvero una delle cause più ricorrenti di nervosismo e litigiosità che io ricordi. Leggi tutto “Perché le liste di attività non funzionano”

Studio Shock: 30 ore alla settimana per controllare l’email

È decisamente grossa e anche un bel po’ imbarazzante… 30 ore alla settimana è il “tempo perso” speso da un lavoratore americano medio (che non credo sia molto diverso da un italiano medio, a parte che a noi piace il calcio e a lui il baseball) per controllare la posta elettronica.

Non lo dico io, ma questo studio di Adobe (quelli di Photoshop, Flash e Acrobat, per intenderci) del 2015.

Ovviamente è una media dei polli.

Ovviamente molto dipende dal tuo lavoro/ruolo specifico.

Ovviamente puoi anche viverci di email. Leggi tutto “Studio Shock: 30 ore alla settimana per controllare l’email”